4 luglio 2017

43 giorni

Sono 43 i giorni passati dal mio ultimo post. Ci penso spesso al blog - lo chiudo - lo lascio lì - cancello tutto e conservo privatamente alcune pagine che ho scritto che mi piacciono tanto in un eccesso di autocelebrazione - lo chiudo - lo lascio lì - a cosa serve? - non scrivo più.
E così, quasi quotidianamente.
A dimostrazione del mio stallo mentale nei confronti del gesto dello scrivere - ché nella mia testa inizio, concludo, narro, disfo e cucio roba in continuazione - il riassunto di questi 43 giorni sarà lasciato ad alcuni mie parole scritte su facebook. Dalla più recente a quella vecchia di 43 giorni.
43 giorni in cui non lo so come sto. Serena, soddisfatta e a posto su alcuni versanti e triste, frustrata e spenta su altri.
Ma questo è.

• Concentrarsi sul vuoto che la tua malattia lascia attorno a sé non è facile. Questo deserto tra l'oasi del prima e l'oasi del dopo nel quale camminiamo senza una meta ben precisa. Non poter chiamare il tuo nome come una volta. Guardare mamma che porta tutte le valigie, anche quelle che una volta portavi tu, da sola. Sapere che rientra a casa e tu non ci sei. Saperla sola, un po' depressa - ché mica bisogna avere paura di dirlo che alle volte le cose così non sono tanto belle. Saperla incastrata in una vita che si fa andare bene perché bisogna quello che è. 
È più facile parlare di te o mettere tue fotografie. È più facile aggrapparsi ai sorrisi che fai e ci fai fare tra una frustrazione e l'altra. È più facile perché è circoscrivibile. Mentre ciò a cui il tuo nuovo essere ci ha condannati è inafferrabile e privo di confini. Ed è la sua forza. Ma anche la sua debolezza. Ed è proprio per questo che non cadiamo.

• Oggi ho fatto giardinaggio. Ma ho dovuto smettere prima del tempo perché mi sono riempita di macchie e bolle rosse come quando a 5 anni andavo nei prati a giocare con mio fratello e i suoi amici e mi facevano sempre mettere dietro la porta da calcio.

• Io non lo so se sia il destino oppure il caso ma in questi tempi così ostili e incerti mi prende l'innocente e un po' ambizioso proposito di amarti.
Perché senza due corpi e due pensieri differenti finisce il mondo. (G. Gaber)

•  Non ho fatto in tempo a stringere le sue mani nelle mie ma voglio ringraziare Maurizio Fiorini per le belle parole e per gli insegnamenti che ha dato e continuerà a dare a tutti quegli artisti che fanno della professionalità, della passione e dell'umiltà la propria bandiera. Che la terra ti sia lieve.

• Questo ti viene chiesto, figlia: capire che mamma e papà sono esseri infinitamente piccoli. Ti viene chiesto un salto nel futuro, dove tu devi essere donna che siede di fianco al padre, gli prende la mano, e lo rassicura: non preoccuparti.
(La più amata - Teresa Ciabatti)

• Non ho avuto la fortuna di averlo come professore ma, grazie a tutti i suoi testi che mi hanno aperto cuore e mente - e non me ne vogliano i miei passati docenti - è un po' come se lo fosse stato.
Grazie per tutte le parole, prof Serianni.

“E se il mondo sapesse il valor che ebbe
Insegnando italiano retto e giusto 
Assai lo loda e più lo loderebbe”.

• Sa perché non posso essere completamente felice? Nessun coi capelli rossi può esserlo. (Anne with an E - Grazie Netflix)


Share:

19 commenti:

  1. di base, ogni scelta che fai è giusta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di base sì. Basta esserne convinti.

      Elimina
  2. L'ambizioso proposito di amare.
    La sapeva lunga Gaber...

    Ti abbraccio bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna esiste qualcuno che ha le parole per dire le cose.

      Elimina
  3. Io direi di lasciarlo, che anche solo per ringraziare chiunque ti abbia fatta essere o diventare, mi pare una bella cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una bella opzione anche questa <3

      Elimina
  4. Stallo si stallo no è sempre bello leggerti.
    I tempi i modi sono quelli che sono e non potrebbero essere altri.
    E va bene.
    Un bacio grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che alla fine va sempre tutto bene così com'è. Come può essere possibile?

      Elimina
    2. Perché si fa quello che si può con quello che si ha.
      Poi magari non è tutto quello che vorremmo...ma è quello che è.

      Elimina
    3. Dio quanta verità in queste tue parole!

      Elimina
  5. Il blog sembra un impegno da poco, ma in realtà non è così. Non tanto per il numero di post da scrivere o per i contenuti, quanto per ciò che vogliamo mettere a nudo di noi pur celandoci (o meno) dietro uno schermo.
    Eppure se non lo si cancella, se si è sempre titubanti sulla sua fine, è solo perchè ormai è parte integrante di noi, una sorta di valvola di sfogo in cui esser qualcuno altro o esser addirittura sè stessi senza troppi giri di parole.
    Che poi si sa, gli amori fanno giri immensi e poi ritornano...ed infatti sei ancora qui :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo tutto.
      Alla fine è solo un qualcosa che non cambia di una virgola ciò che si è ma sembra di abbandonare una parte di sé.

      Elimina
  6. Io concordo con Pier!
    Comunque una domanda (che non centra una mazza): mercoledì scorso eri a Milano? Perché stavo camminando di fretta in zona (non saprei, andavo a piedi seguendo il navigatore) e vicino a un parco ho incrociato una che ti somigliava. Però ero di fretta, ci vedo male da distante e quindi boh!
    Eri a Milano vicino a un parchetto verso mezzogiorno?

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Davide, non ero io. Ero al lavoro a Rimini quindi un po' fuori mano!

      Elimina
  7. Tu puoi scrivere anche ogni 430 giorni, tanto scavi solchi nel video così profondi che poi serve tempo affinché rimarginino.. ;)

    RispondiElimina
  8. Io nelle tue parole ogni tanto ritrovo un poco di me, e vedo sempre te, nella tua costanza, nel tuo modo di stare al mondo che trasmetti scrivendo e che mi fa meravigliare ed emozionare ogni volta! E niente, son confortata nel sapere che nel mondo (e ancor di più nella mia stessa regione) ci sono ancora persone come te che sanno sentire ed hanno ancora la forza di provare! <3

    RispondiElimina
  9. "Vederla incastrata in una vita che si fa andare bene". Penso che non si scriva (o parli) mai abbastanza di chi ha questo ruolo...

    RispondiElimina
  10. Perche' esiste questo mito della felicita' sempre, solo, comunque? Sarebbe la fine della felicita'.

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.